Concerti

Vuoi organizzare un concerto con Cisco e la sua band futurista?

Contattaci direttamente cliccando qui

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere costantemente informato.

Bancarella

Non perderti la bancarella di Cisco!

Radio Cisco

Clicca sulla radio per accenderla!

Invia la tua foto

Invia la tua foto, non appena sarà stata approvata
potrai vederla pubblicata in Maràja!

Inserisci una descrizione

Press

Il Mulo compie dieci anni , Tanti Auguri !

Argomenti:


Il 5 settembre di 10 anni fa usciva il mio secondo album da solista ovvero Il Mulo!
Un lavoro a cui sono particolarmente legato perché mi riporta in mente ricordi di persone che non ci sono più, come Annibale Bartolozzi che ne è stato produttore esecutivo e mi fa pensare ad un periodo in cui si poteva sperare che la musica potesse cambiare qualcosa. Il Mulo è stato concepito anche per quello.
Un’altra cosa che mi lega a quel disco è la sua confezione, bella, ricca, sontuosa, che conteneva allegato al cd addirittura un dvd con un concerto fatto a Milano l’anno prima e la testimonianza di alcuni miei viaggi fatti da solo, quindi un lavoro pieno di materiale da ascoltare e da vedere.
Ovviamente non secondaria è la questione canzoni: in quel disco ci sono canzoni che rimarranno con me per sempre, per tutta la vita.
A partire dalla title track: “Il Mulo” che ha un significato molto particolare, personale, autobiografico, ė un pezzo che parla della mia cocciutaggine e della mia testardaggine, di come io vedo il mondo e di come sono ancora qui e resisto nonostante tutto e tutti.
“Multumesc”, nata da un viaggio fatto in Romania e che ha regalato un sacco di emozioni finite in quella canzone, un brano che facciamo ancora in quasi tutti i concerti, carico di energia e vitalità.
“Onda Granda” che è una sorta di manifesto di quegli anni, che precedeva addirittura il movimento dell’Onda nato dopo l’uscita del disco, un pezzo significativo per i tempi.
Poi ci sono brani come “Sotto le nuvole” a cui sono molto affezionato perché tocca in maniera intelligente e curata un argomento delicato e che ho parecchio a cuore.
“Anime di passaggio” una canzone manifesto, che non faccio molto spesso live perché esige un’atmosfera particolare, sia nel suonarla che nel cantarla. Però è un pezzo importantissimo, uno di quelli che preferisco tra le canzoni che ho scritto perché rappresenta in pieno il mio sentire e il mio pensiero.
Un altro ricordo di quel lavoro erano le dediche: ogni canzone aveva la sua dedica legata a qualcuno o qualcosa, una in particolare, quella di Olmo, per il mio primo figlio….il primo di una lunga serie ormai…una canzone molto cara, molto sentita.
Chiaramente non possiamo concludere i ricordi de Il Mulo senza parlare di “Funerali per sigaro e banda”, scritta in ricordo di Luca “Gabibbo” Giacometti un amico caro, una persona speciale che non c’è più a cui era dedicato non solo questa canzone ma l’intero lavoro.
Un album che mi rimarrà dentro, un album che mi ha segnato in profondità e che mi segue ancora oggi per l’attualità di alcuni brani anche se sono passati 10 anni.
Personalmente reputo il Mulo ancora un caposaldo di quel periodo e dalla mia vita, legato anche a tutti quelli che ci hanno lavorato da Francesco Magnelli, ad Andreino Salvadori, a Marzio Del Testa, a Vieri Bugli, a Finaz, ad Andrea Faccioli che incontravo in quel periodo e che venne per fare un paio di parti musicali e da li nacque il nostro sodalizio.
Un disco a me caro, che spero possiate riscoprire con occhi nuovi e con una nuova sensibilità.
Buon ascolto!