Concerti

Vuoi organizzare un concerto con Cisco e la sua band futurista?

Contattaci direttamente cliccando qui

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per rimanere costantemente informato.

Bancarella

Non perderti la bancarella di Cisco!

Radio Cisco

Clicca sulla radio per accenderla!

Invia la tua foto

Invia la tua foto, non appena sarà stata approvata
potrai vederla pubblicata in Maràja!

Inserisci una descrizione

Press

Indiani e Cowboy il nuovo disco di Cisco in lavorazione ad Austin in Texas , segui il progetto con noi sul crowdfunding!

Argomenti: ,


UN EMILIANO IN AMERICA

Hey gente, credo sia giunto il momento di raccontarvi una storia, una nuova storia.

Quella di un uomo che ha tagliato il mezzo secolo di età, e che voltandosi non può far altro che vedere anni trascorsi sul palco, girando buona parte di mondo conosciuto e non,  prima con una band di fama nazionale e poi come solista. Qualche mese fa ho pensato che era tempo di tornare con un lavoro inedito, facendomi come sempre la solita promessa, cioè quella di non ripetermi, di non ricalcare sentieri già percorsi e strade già battute e allora mi sono chiesto…

Cosa sta cercando, o meglio cosa si può ancora inventare un cinquantenne emiliano che nella sua carriera ne ha viste di cotte e di crude? Lo saprete già, ma se la musica prende il vento giusto è in grado di portarti ovunque e per me è andata così. Ho visto tanti pezzi di mondo, luoghi lontani, a volte quasi inarrivabili, ma da sempre mi porto dietro un piccolo grande cruccio. Non aver mai avuto la possibilità di visitare gli Stati Uniti d’America!

Poi, un giorno, arrivano le coincidenze che si trasformano in possibilità.

Un amico, Paolo Paggetti della Rivertale Productions mi parla di un produttore americano, uno di quelli che la sa lunga. Si chiama Rick Del Castillo, un texano d’adozione, un americano di seconda o terza generazione il “braccio sonoro” di un regista di culto come Robert Rodriguez, insomma uno di quelli in grado di cambiare le sorti di una canzone.

In quel preciso momento ho pensato che i desideri a volte trovano un senso, quindi ho iniziato a scrivere una decina di canzoni a rotta di collo, senza fermarmi, con quella fame che mi viene solo quando penso di aver trovato la strada giusta!

Scrivere un disco di frontiera in grado di raccogliere le contraddizioni della nostra società, un disco capace di caricarsi sulle spalle temi che da sempre toccano dal vivo quelli come Noi che ancora non riescono ad accettare quest’orda di cambiamento e di imbarbarimento! Mischiare le mie radici emiliane con un suono americano, dare vita a un miscuglio di contrasti sonori e dare alle stampe qualcosa che non sia rivolto al passato ma che tocchi il presente!

Quelli della mia generazione poi ci giocavano davvero con l’America, bastava la siepe di un cortile di casa e si pensava subito ad una frontiera, un fossato era il Grand Canyon e i prati dietro i vicoli di Carpi giocavano il ruolo delle sterminate praterie del vecchio west.

Dove voglio portarvi con questi ricordi da dinosauro? Al titolo dell’album, naturalmente. “Indiani e Cowboy”.

Chissà, forse a qualcuno potrebbe sembrare troppo vintage, ma che ci volete fare? Il mondo che ci circonda è diviso in Indiani che tentano di sopravvivere e in Cowboy che continuano a non capire, ma di una cosa potete stare certi, io e Rick siamo dalla stessa parte del muro, lo stesso muro voluto dal Presidente Trump, lo stesso muro che ogni giorno divide il Mar Mediterraneo.

Presto partirò per Austin, incontrerò Rick e assieme lavoreremo alla produzione delle canzoni  dell’album sapientemente suonate dalla mia band.

Beh, siete pronti e venire con me, ad accompagnarmi in questo viaggio? Non ho certo voglia di partire da solo e ho bisogno del vostro appoggio per arrivare alla fine di questa esperienza con la consapevolezza di aver dato tutto quello che potevo.

I dischi ormai vengono fatti con l’aiuto di tutti, ed è per questo che idealmente vi chiedo di salire con me su quell’aereo che mi porterà dall’altra parte del mondo, e costruire tutti assieme questo progetto sostenendo la mia campagna di crowdfunding.

Ovviamente vi terrò costantemente aggiornati sulla nascita e la crescita del disco e del viaggio in quel di Austin e correderò il tutto con foto, video e post esaustivi, cercherò in tutti i modi di farvi sentire lì, nello studio di registrazione assieme a me e Rick e di farvi respirare le atmosfere di “Indiani e Cowboy” e non temete, passo dopo passo vi darò anche qualche assaggio sonoro! Siete pronti a partire con me per questo viaggio e sostenermi fino alla fine?

Come regola prevede, ogni sostenitore di una campagna crowdfunding avrà diritto a una ricompensa unica e speciale e nel mio progetto ce n’è per tutti i gusti.

Con una manciata di euro potrete accaparrarvi il cd e un messaggio audio di ringraziamento, poco più in su la scelta del vinile, un altro gradino ed ecco apparire anche la maglia in edizione limitata, un altro ancora e potrete pescare a piene mani dal mio catalogo e che dire delle offerte un po’ più particolari?

Volete farmi cantare il vostro brano  preferito (naturalmente del mio repertorio) solo per voi o un vostro amico, per il figlio, per la moglie o l’amante e averlo tramite un video con dedica?

Oppure respirare le atmosfere del backstage prima di un mio concerto e stare a cena col sottoscritto e la band al completo, davanti a un tegame di fagioli?

E per i più forbiti, che ne dite di una lezione con uno dei miei musicisti, Bruno, Simone e Max, tutti insegnanti affermati?

E infine, per i più generosi ci sarà anche la possibilità di organizzare un live acustico quando e dove volete voi!

Posso accontentare tutte le vostre richieste, o quasi, basta salire sulla carrozza che dall’Emilia porta al Texas per un viaggio, che qualcuno più bravo di me, ha chiamato “tra la via Emilia e il West”, in cui sarete parte fondamentale di questo progetto.

“Indiani e Cowboy”.

Voi, da che parte state?

Cisco Bellotti

www.BeCrowdy.com